Ottant'anni da sprayer

Harald Naegeli è diventato famoso come "graffitaro" ma ha dovuto fare i conti con la giustizia zurighese

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Harald Naegeli si è fatto un nome come "sprayer di Zurigo", una qualifica che per decenni non è stata accompagnata affatto da benevolenza. Oggi, l'artista di fama internazionale, che per anni ha dovuto fare i conti con la giustizia, compie ottant'anni.

Per Naegeli, accuse a causa delle sue rappresentazioni con la bomboletta spray su muri e facciate nella città di Zwingli sono state cosa usuale. Dalla fine degli anni Settanta di notte e di nascosto, anonimamente, ha tracciato tra 400 e 600 graffiti filiformi. Con queste provocazioni, Naegeli, nato a Zurigo il 4 dicembre 1939, ha suscitato molte rimostranze.

Nel 1981, il Tribunale cantonale di Zurigo lo riconobbe colpevole di danneggiamento e lo condannò a nove mesi da scontare e a una pesante multa. Naegeli fuggì in Germania, dove continuò a disegnare e da vandalo si trasformò in artista. Nel 1984, dopo aver scontato sei mesi di carcere, non sentendosi compreso a Zurigo tornò in autoesilio a Düsseldorf (D).

ATS/Swing

Gli ottant'anni di Harald Naegeli

Gli ottant'anni di Harald Naegeli

TG di mercoledì 04.12.2019

Condividi