Dopo la morte di Sudan restano solo la figlia Najin e la nipote Fatu
Dopo la morte di Sudan restano solo la figlia Najin e la nipote Fatu (Keystone)

Forse c’è ancora speranza

Il rinoceronte bianco settentrionale potrebbe essere salvato dalla fecondazione in vitro

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'ultima parola per i rinoceronti bianchi settentrionali dei quali, dopo la morte dell’ultimo maschio Sudan, rimangono solo due esemplari femmina, forse non è ancora stata scritta. Forse c’è ancora una speranza. La sottospecie, si apprende dal sito dell’ONG Wild Aid, potrebbe essere salvata dalla fecondazione in vitro e il ricorso a una madre surrogata, una femmina dell’altra sottospecie di rinoceronte bianco, quella che vive nell’Africa meridionale dove restano circa 20'000 esemplari.

Per evitare l’estinzione è stata avviata una collaborazione tra la riserva Ol Pejeta, lo zoo di Dvur Kralové nella Repubblica Ceca, il Kenya Wildlife Service, la Avantea di Cremona e l'istituto IZW di Berlino. L'intervento prevede il prelievo di ovuli dalle due femmine sopravvissute, la loro fecondazione con lo sperma prelevato negli anni e l'impianto.

Si tratta di una procedura costosissima (servono 9 milioni di dollari) e non priva di rischi che, inoltre, non è mai stata tentata in precedenza sui rinoceronti.

Diem/ANSA

Condividi