Salute

Energia di primavera: 3 concentrati in “vasetto”

Tre mix da preparare in un batter d’occhio e dire addio alla stanchezza

  • 13 maggio, 11:30
  • FOOD
bicchierini energizzanti, ricette, sano, nutrizione, stagionale, pausa pranzo, colazione
  • Michelle Uffer
Di: Michelle Uffer

Aprile dolce dormire... Vero, ma qui siamo a maggio e la primavera sembra essere appena iniziata.
Sonno incredibile, concentrazione che latita ed energie introvabili? Sì, fa tutto parte del gioco perché in primavera il passaggio dalla stagione fredda a quella delle fioriture mette spesso a dura prova il nostro organismo.
A quest’ora la fase critica avremmo già dovuto superarla, invece questa stagione che ancora si nasconde - o ci allieta per qualche ora per poi sparire nuovamente - ci affatica ancora di più. La soluzione, però, a tavola la si può trovare, senza l’aiuto di pillole “miracolose” o caffè a litri.

Gli ingredienti giusti

Per non perdere la concentrazione e sentirci più energici, dobbiamo fare due passi: uno verso la natura, l’altro verso la nostra cucina; verso la natura per trovare alimenti locali e di stagione, e verso la cucina per prendere in mano la situazione e preparare noi stessi i manicaretti che porteremo in tavola. Questo non vuole dire che dobbiamo dedicare ogni minuto libero alla preparazione dei pasti, piuttosto dobbiamo giocare di furbizia nel momento in cui andiamo a fare la spesa, per comprare quegli ingredienti che mixati insieme, senza troppi passaggi e preparazioni, possono rivelarsi dei veri toccasana.
Nella vostra prossima lista della spesa, dunque, non dovrebbero mancare: fragole, asparagi, noci, quinoa, yogurt greco, burro di mandorle.

E poi, cosa ne facciamo? Li assembliamo ad altri ingredienti per creare dei bicchierini energizzanti - da mangiare, non da bere - che non causeranno picchi glicemici facendoci rimanere svegli e tonici, senza l’urgenza di ricorrere all’ennesimo dolcetto o caffè per non addormentarci davanti al computer.

Il bicchierino energizzante della colazione

Si dice che chi ben comincia, è a metà dell’opera. E allora per forza partiamo dalla colazione, momento in cui, credetemi, oltre a fette biscottate e brioche abbiamo alternative ben migliori. Il trucco è quello di evitare che gli zuccheri entrino in circolo troppo velocemente, richiedendo (ahimè) altro zucchero. La mia proposta per il bicchierino numero uno, quello del risveglio, è dello yogurt greco con banana, burro di mandorle e noci di pecan:

- lo yogurt greco è un’ottima fonte di proteine;
- la banana è sì zuccherina ma è anche piena di minerali (in particolare potassio) e vitamine;
- il burro di mandorle (che si può fare anche in casa, seguendo la nostra ricatta) e le noci di pecan sono una vera bomba di antiossidanti, grassi buoni, fibre e proteine: aggiungerne alle nostre colazioni stabilizzerà l’assorbimento degli zuccheri regalandoci energia più a lungo.

Anatomia della colazione perfetta

La consulenza 09.02.2024, 12:50

  • iStock

Il bicchierino energizzante per il pranzo

Ed eccoci già all’ora di pranzo: cosa mettere nel piatto? Un consiglio è quello di variare il più spesso possibile la fonte di carboidrati, puntando su cereali in chicco (ad esempio farro, grano saraceno, quinoa, riso) ed abbinarli ad una buona fonte proteica.
Per quanto riguarda le verdure, sempre meglio se di stagione.
Nel secondo vasetto vi propongo dunque la quinoa (che tra l’altro si cuoce in una decina di minuti ed è naturalmente senza glutine), abbinata alla feta, all’insalatina fresca ed alla regina di maggio: la fragola. Non vi quadra come abbinamento? Fidatevi e provatelo, vi ricrederete.

In questa combinazione di alimenti abbiamo una buona fonte di energia a rilascio lento grazie alla quinoa, che è pure ricca di ferro (il che ci aiuta a combattere la stanchezza fisica e mentale), le proteine della feta, e che dire delle fragole? Ci regalano tanta vitamina C, importantissima per rafforzare il sistema immunitario e sconfiggere i radicali liberi.

Il bicchierino per la cena

E così arriviamo al terzo vasetto, quello con asparagi e uova.
Gli asparagi sono un ottimo diuretico e “ripuliscono” il fegato aiutandoci ad eliminare le tossine in eccesso, le uova sono delle proteine nobili contenenti tutti gli amminoacidi essenziali, l’olio d’oliva extravergine è ricco di polifenoli con azione antiossidante ed antinfiammatoria, ed il succo di limone ci fornisce una buona dose di vitamina C.

E se pensate di aver letto male la ricetta, vi tranquillizzo subito: non è stato dimenticato il passaggio “cottura”, gli asparagi in questa versione si mangiano crudi per un mix energico croccante!

Correlati

Ti potrebbe interessare