Salute

Primo caldo: SOS ritenzione idrica

Come contrastare un disturbo molto comune che peggiora nei mesi estivi

  • 11 June 2023, 09:03
  • FOOD
Idratazione
  • iStock
Di: Chiara Jasson

La tendenza a trattenere liquidi nell’organismo è un disturbo molto comune, che può peggiorare con l’arrivo del caldo nei mesi estivi. La ritenzione si presenta sotto forma di edema, soprattutto nelle classiche zone quali cosce, glutei, gambe e addome in parte a causa di un’alterata circolazione venosa e linfatica, e all’accumulo di tossine. La nutrizionista Chiara Jasson ci dà qualche accorgimento per contrastare questo fenomeno.

La ritenzione idrica può avere un’origine multifattoriale ma, in assenza di patologie specifiche, la causa principale di questo disturbo è lo stile di vita. Un eccesso di caffè, di fumo, di bevande alcoliche e di alimenti ricchi di sodio, come anche un utilizzo di abiti troppo stretti o di tacchi alti può contribuire a questo inestetismo.
Vediamo insieme come contrastarlo.

Prima alleata: l’attività fisica

Innanzitutto, muoviamoci! Le giornate si allungano, approfittiamone dunque per aumentare l’attività fisica. Il movimento, oltre ad avere innumerevoli benefici, contribuisce a riattivare il microcircolo e a rinforzare la muscolatura. L’allenamento contro resistenza è particolarmente indicato, ma se non amate la palestra, anche il nuoto, lo yoga, il pilates, la ginnastica in acqua, la bicicletta o la camminata possono essere ottime alternative.

Quali alimenti prediligere e quali evitare

A livello alimentare, è consigliato un elevato consumo di vegetali, preferibilmente di stagione e di colore diverso così da incrementare l’apporto di flavonoidi antiossidanti e di vitamine come l’acido ascorbico, in grado di proteggere i vasi sanguigni.
È bene mantenere un buon apporto proteico, riducendo però il consumo di formaggi e carni grasse, carni lavorate e insaccati. Evitiamo i salumi e gli affettati, che sono ricchi di sodio e di conservanti. Cerchiamo invece di integrare con maggiore frequenza fonti proteiche vegetali come legumi e soia, ma anche pesce e uova sono alternative valide. Se amiamo i latticini, quelli da preferire – come spiegato in quest’altro articolo – sono a base di latte di pascolo, provenienti da animali allevati a erba, oppure formaggi di capra e pecora.

Un altro consiglio è quello di evitare picchi glicemici che possono interferire con il nostro equilibrio ormonale. Per farlo, evitiamo zuccheri aggiunti, farine bianche e prodotti da forno come cracker e biscotti di produzione industriale. Prediligiamo, invece, cereali integrali in chicco, assunti in porzioni moderate. Questi contengono un apporto di fibre elevato e vitamine del gruppo B, oltre ad avere un impatto glicemico più basso, favorendo la motilità intestinale e lasciandoci sazi più a lungo.

E i condimenti?

Via libera al nostro olio extravergine d’oliva, usato a crudo per condire ricche insalatone estive e bowls colorate.
Un consiglio: riduciamo l’apporto di sodio sostituendo il sale da cucina raffinato con un mix di sale marino e spezie come curcuma, rosmarino ed erbe aromatiche fresche.

Mai dimenticarsi l’idratazione

Infine, se vogliamo contrastare la ritenzione e restare idratati con l’arrivo del caldo, l’acqua deve diventare la nostra fedele compagna. Cerchiamo di bere almeno 1 litro d’acqua per ogni 1500 kcal ingerite. Puntiamo quindi ai 2 litri al giorno come minimo, incrementando la quantità in caso di sport e di temperature particolarmente elevate. Una buona regola per sapere se stiamo bevendo abbastanza è osservare il colore delle urine, che non dovrà essere troppo scuro.
Sono utili anche le tisane e gli infusi di betulla, tarassaco, carciofo, ortica, equiseto e ursina. Valido il tè verde, così come il matè e il matcha, noto per le sue proprietà antiossidanti.

Consigli bonus

Dulcis in fundo: via i tacchi a spillo e a fine giornata sdraiamoci per qualche minuto con un buon libro con le gambe rialzate, appoggiate al muro per favorire la circolazione linfatica.
Per i più coraggiosi? Sì alle docce e ai bagni freddi, che, oltre ad avere numerosi benefici sul sistema cardiovascolare e immunitario, favoriscono il microcircolo.

Correlati

Ti potrebbe interessare