Svizzera

Contrae HIV durante studi, Università la risarcirà

Accordo raggiunto tra l’ateneo di Ginevra e la studentessa, infettata nel 2011 mentre svolgeva attività di ricerca in uno dei laboratori dell’alta scuola - La vittima riceverà circa 140’000 franchi

  • 28 febbraio, 21:04
256599342_highres.jpg

Foto d'archivio

  • Keystone
Di: ATS/RSI Info

L’università di Ginevra risarcirà una studentessa che ha contratto il virus dell’HIV nel 2011 mentre svolgeva attività di ricerca. Le parti hanno siglato un accordo che pone fine a una lunga battaglia legale. Il risarcimento è di circa 140’000 franchi.

La ragazza italiana era giunta in Svizzera nel 2011 per la tesi e per lavorare su alcuni campioni di HIV. Al suo rientro in Italia era risultata positiva al virus che stava analizzando.

Anche dopo anni non c’è ancora certezza su come possa aver contratto l’HIV. I laboratori italiani hanno concluso, col sequenziamento genetico, che l’agente patogeno contratto dalla giovane “è identico a quello presente nei campioni degli studi svolti dalla ragazza” a Ginevra.

Notiziario 23.00 del 28.02.2024

Lotta all'HIV

Il Quotidiano 01.12.2023, 19:00

Lotta ticinese all'HIV

Il Quotidiano 06.08.2019, 21:29

Il test HIV nello scaffale

Il Quotidiano 14.05.2019, 21:00

HIV, nuova campagna LoveLife

Telegiornale 25.06.2018, 22:00

Obbiettivo, vaccino HIV

Il Quotidiano 18.10.2016, 21:00

Giornata mondiale contro HIV

Il Quotidiano 01.12.2015, 20:00

Correlati

Ti potrebbe interessare