Ticino e Grigioni

Gobbi: nessuna istanza probatoria

I legali dei poliziotti indagati hanno rinunciato a chiedere l’assunzione di nuove prove. Si attendono le decisioni

  • 20 giugno, 11:33
  • 20 giugno, 14:31
Ti_Press_SA_TPR474384.jpg

Norman Gobbi

  • © Ti-Press / Maria Linda Clericetti
Di: Francesco Lepori

Nuovo passo avanti nel procedimento penale legato all’incidente stradale che il 14 ottobre scorso, in Alta Leventina, ha visto coinvolto il consigliere di Stato Norman Gobbi (risultato leggermente positivo al primo test dell’alcol, e negativo al secondo).

Le parti hanno infatti rinunciato a chiedere, al procuratore generale Andrea Pagani, l’assunzione di nuove prove. Il termine per inoltrare eventuali istanze scadeva giovedì.

Pagani potrà quindi emettere le decisioni preannunciate nei giorni scorsi, quando ha notificato l’imminente chiusura dell’inchiesta. Per uno dei tre poliziotti indagati (difeso da Elio Brunetti) si profila un decreto d’abbandono. Per gli altri due (difesi da Maria Galliani e Roy Bay) un rinvio a giudizio alla Pretura penale. Favoreggiamento il reato ipotizzato.

Caso Gobbi, due agenti a processo

Il Quotidiano 11.06.2024, 19:00

  • Consigliere di Stato
  • Norman Gobbi
  • Andrea Pagani

Correlati

Ti potrebbe interessare