Ticino e Grigioni

I Grigioni varano la prima strategia turistica

Benessere dei cittadini e attenzione agli ospiti, di cui si vuole prolungare la permanenza, spiccano nel documento che riconosce il settore come un pilastro dell’economia cantonale

  • 22 maggio, 12:21
  • 22 maggio, 12:21
  • INFO
Per un turismo che non conosce stagioni.jpg

San Bernardino d'estate, per un turismo che non conosce stagioni

  • Keystone
Di: RSI Info

Una strategia turistica globale. È quella che il Governo del Cantone dei Grigioni presenta per la prima volta. Il documento programmatico è stato presentato mercoledì e mira, secondo le parole di Marcus Caduff, direttore del Dipartimento dell’economia pubblica e socialità, a fornire impulsi senza impartire direttamente istruzioni: “Creiamo il quadro e gli incentivi per l’attività economica e l’innovazione nel settore turistico”, ha detto il consigliere di Stato.

I cambiamenti climatici, lo sviluppo demografico e le mutazioni nel mercato del lavoro richiedono un rinnovamento dei modelli. Da qui una serie di obiettivi a medio termine, per far assumere al turismo grigionese anche in futuro un ruolo di leader nell’area alpina. Il settore, sottolinea il Governo, “mantiene e aumenta il benessere e la qualità di vita dei cittadini”. L’orientamento è un’offerta disponibile tutto l’anno, ponendo attenzione sugli ospiti che pernottano.

Sette sono gli “obiettivi strategici 2030”, tra cui spicca quello di prolungare la durata di soggiorno media degli ospiti. In ottica futura si punta a migliorare il benessere della popolazione e l’identificazione con il turismo. Quest’ultimo dovrà inoltre garantire spazi vitali attrattivi per residenti e ospiti, nonché a preservare un insediamento decentralizzato e viene sostenuto dalla popolazione residente. 

Il documento segna la rotta, o in altre parole è il “punto di partenza effettivo per l’ulteriore processo che trasformi i principi in misure concrete”. I fornitori di prestazioni turistiche, le associazioni, i comuni e l’Amministrazione cantonale, è l’auspicio finale, “sono invitati a cogliere le opportunità e a riconoscere le sfide affinché il settore possa adeguarsi ai cambiamenti e possa svilupparsi verso un turismo non legato alle stagioni, sostenibile e orientato ai pernottamenti”.

RG 12.30 del 22.05.2024 - Il servizio di Manuele Ferrari

RSI Ticino e Grigioni 22.05.2024, 12:20

Correlati

Ti potrebbe interessare