La Thomas Cook è fallita

Avviata la procedura di liquidazione: 22'000 posti a rischio nel mondo. Devono essere rimpatriati 600'000 clienti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Thomas Cook, il tour operator britannico con 178 anni di storia alle spalle, chiede la liquidazione giudiziaria. Lo ha annunciato lunedì notte la società in una nota, sottolineando che “sono stati cancellati tutti i futuri voli e le future vacanze”.

Thomas Cook ha annullato con effetto immediato tutti i voli e le vacanze già predisposti
Thomas Cook ha annullato con effetto immediato tutti i voli e le vacanze già predisposti (Reuters)

Nonostante le trattative serrate, l’azienda non è riuscita a raggiungere un accordo con i creditori e questo ha innescato la richiesta di bancarotta. Con la liquidazione Thomas Cook mette a rischio 22’000 posti di lavoro a livello globale, di cui 9’000 in Gran Bretagna.

E' stato comunque garantito il rimpatrio di 600'000 clienti dell’operatore turistico che attualmente si trovano in ferie nei più svariati luoghi di villeggiatura.

Governo britannico e la Civil Aviation Authority hanno infatti dato inizio al pone aereo organizzato per rimpatriare i turisti bloccato all'estero dal fallimento del colosso turistico. Un quarto delle 600'000 persone in ferie attualmente con Thomas Cook sono cittadini britannici; 16'000 di loro comunque dovevano già rientrare in giornata. Saranno impiegati 45 aerei charter per sostituire la flotta del tour operator ferma.

Per il Regno Unito si tratta della maggiore operazione di rimpatrio in tempo di pace. Nel 2017, a causa del crac della compagnia aerea britannica Monarch, occorsero in totale 567 voli da parte di alcune decine di velivoli charter, per far tornare a casa circa 84'000 clienti.

RG 12.30 del 23.09.2019 Potrebbe succedere in Svizzera? Marzio Minoli lo ha chiesto a Giancarlo Leonardi, responsabile vendite per il Ticino di Kuoni Viaggi
RG 12.30 del 23.09.2019 Potrebbe succedere in Svizzera? Marzio Minoli lo ha chiesto a Giancarlo Leonardi, responsabile vendite per il Ticino di Kuoni Viaggi
 

Condor, compagnia aerea tedesca, ha intanto manifestato l'intenzione di continuare a volare malgrado il fallimento della sua casa madre britannica. Per non restare a corto di liquidità, ha domandato un prestito urgente al Governo di Berlino, che sta esaminando la questione. Gli apparecchi del vettore sono una quarantina e raggiungono destinazioni in Europa e negli Stati Uniti.

Thomas Cook chiude

Thomas Cook chiude

TG 12:30 di lunedì 23.09.2019

 
ATS/Reuters/EnCa
Condividi