Juan Manuel Santos:
Juan Manuel Santos: "Alla pace si arriva con fatti concreti, non solo con parole" (keystone)

Colombia, fine della tregua

Il presidente Santos dichiara sospesi i negoziati di pace con l'Esercito di liberazione nazionale

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il presidente della Colombia, Juan Manuel Santos, ha sospeso mercoledì i negoziati di pace con l'Esercito di liberazione nazionale (ELN), a seguito di un attentato esplosivo compiuto dal gruppo guerrigliero contro un oleodotto nella regione di Arauca.

"Siamo sempre stati disposti a prorogare il cessate il fuoco con l'ELN, che è scaduto alla mezzanotte di ieri”, ha sottolineato il presidente colombiano, "ma inspiegabilmente loro si sono rifiutati di farlo, e ora hanno ripreso gli attacchi terroristici".

Una foto dei guerriglieri nel 2010. Pablo Beltran è il primo da sinistra
Una foto dei guerriglieri nel 2010. Pablo Beltran è il primo da sinistra (keystone)

Il "comandante" Pablo Beltran, volto noto dell'ELN, aveva espresso martedì su Twitter la sua fiducia nell'esito positivo dei nuovi negoziati di pace, cominciati lo stesso giorno a Quito dopo 100 giorni di tregua. Ma in un’intervista telefonica aveva anche denunciato la "mancanza di volontà politica" da parte del governo di Juan Manuel Santos, accusandolo di non rispettare i termini della tregua.

Pablo Beltran in un incontro coi media a Cuba nel 2002
Pablo Beltran in un incontro coi media a Cuba nel 2002 (keystone)

ATS/Bleff

Condividi