Uno contro tutti
Uno contro tutti (keystone)

Fallito golpe ad Ankara

L'esercito tenta di prendere il controllo del paese, ma si scontra con la popolazione. Morti, feriti e 1'563 arresti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Violento capovolgimento della situazione in poche ore in Turchia, dove un colpo di Stato di militari contro Erdogan è fallito: lo hanno affermato prima i servizi di intelligence turchi poi il ministro degli Interni e il primo ministro, che hanno fatto sapere anche che la polizia, fedele al presidente-sultano islamico, ha arrestato i militari golpisti, che poche ore prima avevano dichiarato vittoria, seppure solo a Istanbul e ad Ankara, affermando di aver "ripristinato" la normalità.

Il tutto mentre il presidente, in fuga su un aereo privato dal quale avrebbe chiesto asilo - negato - alla Germania e forse anche alla Gran Bretagna quando la situazione era ancora incerta, è riatterrato a Istanbul, accolto da una folla festante di suoi sostenitori. 

Il golpe è stato sventato, ha annunciato Erdogan in tv, promettendo che i congiurati "pagheranno duramente" per aver "attentato all'unità e alla sovranità nazionale". Le tv ritrasmettono in tutto il mondo immagini di dimostranti filo-Erdogan che a Istanbul affrontano in modo non violento i carri armati.

Secondo il Governo (che ha ripreso il controllo dei ponti sul Bosforo a Istanbul, bloccati al momento del golpe) i morti in totale sarebbero 90, 42 solo ad Ankara, 1'563 le persone arrestate.

Per saperne di più:

-

 (Live ticker 1)-
(Live ticker 2)

Condividi