Il 2 agosto 1980 una bomba nella sala d'aspetto della stazione di Bologna fece 85 morti
Il 2 agosto 1980 una bomba nella sala d'aspetto della stazione di Bologna fece 85 morti (keystone)

I conti svizzeri di Gelli in aula

Nel nuovo processo sui mandanti della strage di Bologna del 1980 ricostruiti i flussi di denaro dell'ex capo della loggia P2

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un flusso di denaro che dai conti svizzeri di Licio Gelli e altri soggetti a lui vicini sarebbe arrivato fino agli esecutori della strage della stazione di Bologna. Movimentazioni rimaste nascoste per 40 anni, e che oggi sono state ricostruite in aula nel nuovo processo sui mandanti, dal capitano della guardia di finanza, Cataldo Sgarangella.

Le indagini della procura generale di Bologna sono ruotate attorno ad alcuni documenti sequestrati a Gelli nel 1982 dalle autorità elvetiche a Ginevra. Secondo la tesi degli inquirenti, l’allora capo della loggia massonica P2, già condannato per depistaggio proprio in relazione alla strage, fu anche il mandante e l'organizzatore. Deceduto nel 2015, però, non potrà essere processato.

40 anni fa la strage di Bologna

40 anni fa la strage di Bologna

TG di domenica 02.08.2020

 

Durante le indagini, i magistrati si sono recati anche a Berna alla ricerca di prove e conferme degli spostamenti di denaro. Le ricerche sono ruotate attorno al cosiddetto “appunto Bologna” trovato nel portafogli del venerabile, che riporta il nome della città emiliana più il numero di un conto corrente di una banca ginevrina.

eb/thp
Condividi