Sei giorni dopo la festa sulla Piazza Rossa la Camera alta ha approvato le annessioni (Keystone)

La Camera alta russa ratifica le annessioni

Anche i "senatori" approvano l'entrata di quattro regioni ucraine nella Federazione Russa, dopo il referendum non riconosciuto dalla comunità internazionale

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La Camera alta del Parlamento russo ha approvato martedì l'annessione di quattro regioni ucraine alla Russia, benché Mosca continui a perdere terreno sul campo nelle ultime settimane. Nella sessione, il Consiglio della Federazione ha ratificato all'unanimità la legislazione per annettere le aree di Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporizhia. Lunedì si è espressa allo stesso modo la Duma di Stato, la Camera bassa.

I documenti ora passano al Cremlino per la firma del presidente Vladimir Putin e completare il processo di annessione delle quattro regioni, che rappresentano circa il 18% del territorio ucraino ancora considerato a livello internazionale. Va detto che tali annessioni non sono state riconosciute dalla comunità internazionale.

 

La Russia ha dichiarato le annessioni dopo aver tenuto quelli che ha chiamato referendum nelle aree occupate dell'Ucraina. Come accennato, i Governi occidentali e quello di Kiev, ma anche il segretario generale dell'ONU Antonio Guterres, hanno affermato che questo voto ha violato il diritto internazionale, è coercitivo e non rappresentativo.

AFP/EnCa
Condividi