Alla frontiera con Kobane, si resta a guardare
Alla frontiera con Kobane, si resta a guardare (Reuters)

La Turchia bombarda il PKK

Violata la tregua dichiarata nel 2013. All'origine, il rifiuto di Ankara di difendere Kobane

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'aviazione turca ha colpito obiettivi del Partito dei lavoratori del Kurdistan nel sud-est del paese, vicino alla frontiera con l'Iraq, causando molte vittime.

Si tratta del primo bombardamento dal cessate il fuoco dichiarato dai ribelli curdi nel marzo del 2013 e segue gli attacchi da parte del PKK, avvenuti tre giorni fa, a una postazione delle forze di sicurezza turche nel villaggio di Daglica.

Una sequela di violenze la cui origine è da ricercare nel rifiuto del governo di Ankara di difendere la città siriana di Kobane dallo Stato Islamico a fianco della coalizione internazionale e che ha provocato le proteste dei curdi.

Reuters/NC

Condividi