Prosegue la guerra a colpi di tasse (keystone)

La rappresaglia cinese

Pechino imporrà nuovi dazi su 75 miliardi di dollari di beni statunitensi a partire da settembre; le borse reagiscono male

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Le autorità cinesi hanno annunciato venerdì l'applicazione di nuovi dazi su 75 miliardi di dollari di beni provenienti dagli Stati Uniti.

RG 18.30 del 23.08.2019 Il servizio di Marzio Minoli
RG 18.30 del 23.08.2019 Il servizio di Marzio Minoli
 

Saranno colpiti, a partire dal mese prossimo e con balzelli medi del 5-10%, 5'078 prodotti. Dal 15 dicembre sarà poi il mercato dell'auto -nuovi modelli e singoli pezzi, accessori e ricambi- a essere messo sotto pressione con imposizioni fino al 25%. Questo settore aveva beneficiato d'una tregua, dichiarata in aprile, nel tentativo di favorire il dialogo. 

La risposta data da Pechino alle tasse prescritte da Washington sull'import in arrivo dal paese asiatico, operative dal 1° settembre, ha avuto immediati effetti negativi sulle borse, quella di Zurigo inclusa, dove lo SMI ha chiuso la seduta in calo di quasi 150 punti (-0,62%).

AFP/ATS/dg

Condividi