Austria: stazione di Nickelsdorf, al confine con l'Ungheria
Austria: stazione di Nickelsdorf, al confine con l'Ungheria (keystone)

Migranti, continua la marcia

I treni danesi ripartono, quelli austriaci si fermano - Nuovo video della reporter che prende a calci i profughi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Non accenna a diminuire il flusso di migranti, in fuga dalle guerre mediorientali e in cerca di una vita migliore, diretti verso il Nord Europa lungo la "rotta balcanica" (attraverso Serbia, Ungheria e da lì in Austria, Germania, Svezia...); e se le Ferrovie danesi hanno ripreso i collegamenti con la Germania (il servizio era stato sospeso mercoledì  per l'afflusso di "centinaia di migranti"), le Ferroviere austriache (OBB) hanno bloccato il transito di treni "da e per" l'Ungheria a causa di un imminente "sovraccarico" dovuto all'afflusso dei profughi.

 
Una mamma con i suoi bambini in cammino vicino a Roszke, sulla linea ferroviaria ungherese
Una mamma con i suoi bambini in cammino vicino a Roszke, sulla linea ferroviaria ungherese (keystone)

Il ministro dell'interno serbo, Nebojsa Stefanovic, ha calcolato che dall'inizio dell'anno sono oltre 130'000 le persone transitate senza che, finora, siano stati registrati problemi di sicurezza o di altra natura.

Il ministro degli esteri macedone, Nikola Poposki, ipotizza dal canto suo la costruzione di una barriera alla frontiera con la Grecia, analoga a quella innalzata dall'Ungheria al confine con la Serbia, per contrastare il flusso proveniente da sud.

In Ungheria non sono mancate le tensioni con le forze dell'ordine e mercoledì sono entrati dalla Serbia 3.321 migranti e profughi, nuovo record di arrivi in un sol giorno.

I profughi stanno attraversando Roszke, al confine tra Serbia e Ungheria
I profughi stanno attraversando Roszke, al confine tra Serbia e Ungheria (keystone)
Angela Merkel ha visitato un centro di accoglienza a Berlino; alcuni migranti ne hanno approfittato per scattare un
Angela Merkel ha visitato un centro di accoglienza a Berlino; alcuni migranti ne hanno approfittato per scattare un "selfie" (keystone)

Giovedì è tornata la calma, almeno nel campo di raccolta di Rozske, nei pressi del contestato muro voluto dal premier ungherese Orban per sigillare la frontiera con la Serbia. Intanto la BBC segnala esercitazioni dell'esercito di Budapest, in vista di interventi anti-immigrazione. Un nuovo video della reporter ungherese che ha preso a calci e fatto lo sgambetto ad alcuni profughi è apparso intanto in rete e mostra la scena dell'uomo fatto cadere con in braccio un bimbo da un'altra angolazione. La donna è stata licenziata in tronco dall'emittente per cui lavorava.

ATS/ANSA/M.Ang./ludoC

Dal Tg20:

 

Condividi