(Immagine d'archivio Keystone)

Monopolio, Stati Uniti fanno causa a Google

I danni causati "sono chiari: i creatori di siti guadagnano meno e gli inserzionisti pagano di più". L'azienda, che offre servizi online, respinge le accuse

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Dipartimento di giustizia e otto Stati degli USA hanno fatto causa a Google per la pubblicità online, accusando la società di Mountain View (California) di monopolio illegale sul mercato.

È la seconda causa in poco più di due anni e la quinta dal 2020; ciò conferma la volontà politica di controllare il potere esercitato dalla "Big Tech" sull'informazione e sul commercio digitale. Per l'amministrazione del presidente Joe Biden la causa è un test importante, rappresenta il primo banco di prova per Jonathan Kanter, il critico della "Big Tech" responsabile della divisione sul rispetto della concorrenza del Dipartimento di giustizia.

Nell'azione legale Google è accusata di essere impegnata in una "sistematica campagna" per mettere le mani e mantenere il controllo sugli strumenti hi tech che gli inserzionisti usano per l'acquisto e la vendita della pubblicità digitale. Essendosi infiltrata "in tutti gli aspetti della pubblicità online", Google ha usato strumenti "anti-concorrenziali" per eliminare o sminuire ogni minaccia al "suo dominio della tecnologie per la pubblicità digitale", si legge nella documentazione - in tutto oltre 150 pagine - depositati in tribunale.

Nella causa si chiede lo spezzatino di Google, con la separazione e la vendita dei prodotti tecnologici per gli spot online. I danni causati da Google sono "chiari": i creatori di siti guadagnano meno e gli inserzionisti pagano di più rispetto a quanto farebbero in un mercato in cui le pressioni competitive disciplinerebbero i prezzi e porterebbero a maggiore innovazione.

UE, maximulta a Google

UE, maximulta a Google

TG 12:30 di mercoledì 14.09.2022

Google respinge le accuse, secondo il colosso basate su un'argomentazione "sbagliata" che potrebbe rallentare l'innovazione, aumentare le commissioni sulla pubblicità e rendere più difficile per migliaia di piccole imprese crescere.

UE, accordo sui contenuti web

UE, accordo sui contenuti web

TG 20 di sabato 23.04.2022

Facebook, la testimonianza

Facebook, la testimonianza

TG 20 di martedì 05.10.2021

 
ATS/M. Ang.
Condividi