Continuano a perdere la vita anche i professionisti che si prodigano per contenere l'epidemia
Continuano a perdere la vita anche i professionisti che si prodigano per contenere l'epidemia (keystone)

Morto direttore ospedale di Wuhan

Le forze armate cinesi inviano altri 1'200 medici di rinforzo nella città-focolaio del coronavirus. I morti in Cina salgono a 1'772

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il coronavirus continua ad uccidere, e continuano a perdere la vita anche i professionisti che si prodigano per contenere l'epidemia. Il direttore dell'ospedale cinese di Wuhan è morto lunedì, ucciso dal virus Covid-19. Lo riportano i media internazionali. Liu Zhiming - questo il suo nome - dirigeva il Wuchang Hospital. Venerdì scorso un infermiere di 59 anni dello stesso nosocomio era deceduto sempre a causa del Covid-19. Il 6 febbraio era morto anche il medico-eroe Li Wenliang, il primo che cercò di rendere attenti sulla pericolosità del coronavirus (ma fu censurato dalle autorità). L'oftalmologo di 34 anni aveva notato a dicembre sette casi di un virus che gli ricordava la SARS all'ospedale di Wuhan, dove lavorava. Aveva tentato senza successo di avvertire i colleghi per condividere l'allarme, ma le autorità locali lo fecero tacere.

Nel frattempo un totale di 1'200 medici, che costituiscono il secondo gruppo dei 2'600 professionisti di rinforzo inviati dalle forze armate cinesi, sono arrivati a Wuhan lunedì. La Cina aveva promesso di inviare altri 2'600 medici dell'esercito per aiutare a contenere l'epidemia di Wuhan la scorsa settimana e il primo gruppo di 1'400 uomini e donne era arrivato il 13 febbraio. Finora le forze armate hanno inviato 4'000 operatori sanitari in tre gruppi, per sostenere Wuhan.

Intanto uno dei pazienti affetti dalla sindrome Covid-19, curato con il plasma sanguigno raccolto da persone guarite, è stato dimesso dall'ospedale nella città-focolaio di Wuhan. Lo ha reso noto Sun Yanrong, funzionario del ministero cinese delle Scienze e della Tecnologia, durante una conferenza stampa a Pechino.

E l'Organizazzione mondiale della sanità (OMS), attraverso il numero uno dell'agenzia di Ginevra, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha segnalato "un calo di nuovi contagi ma questo trend va interpretato con molta cautela perché può cambiare: è presto per dire se questo andamento in calo continuerà. Ogni scenario resta aperto", ha aggiunto.  Il coronavirus "può essere prevenuto ed è curabile", ha chiarito da parte sua Guo Yanhong, funzionario dell'amministrazione ospedaliera della Commissione sanitaria nazionale (Nhc), nel briefing quotidiano di Pechino sull'epidemia.

L'ottimismo si basa sui 115 nuovi casi accertati domenica su scala nazionale (al netto dell'Hubei, epicentro dell'epidemia), in calo per il 13esimo giorno di fila, mentre i guariti sono saliti a 11'145 (+1.720 solo ieri). La Cina ha riportato finora 70'635 casi di contagio accertati e 1'772 morti, secondo gli ultimi aggiornamenti forniti all'OMS.

Coronavirus, oltre 71mila contagi

Coronavirus, oltre 71mila contagi

TG 20 di lunedì 17.02.2020

 
ATS/ANSA/M. Ang.
Condividi