Miliziani dello Stato islamico, ripresi qui in Siria nel 2014, all'epoca della loro folgorante avanzata in vasti territori del Paese
Miliziani dello Stato islamico, ripresi qui in Siria nel 2014, all'epoca della loro folgorante avanzata in vasti territori del Paese (archivio keystone)

Morto il capo dell'IS

Il leader dell'autoproclamato Stato islamico è stato ucciso "combattendo i nemici di Dio", ha annunciato un portavoce dell'organizzazione terroristica

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'organizzazione dell'autoproclamato Stato islamico (IS), sconfitto in Siria e in Iraq, ha comunicato oggi, mercoledì, la morte del suo leader Abu Hassan al-Hashimi al-Qurachi, affermando che è stato ucciso "combattendo i nemici di Dio".

Le circostanze della sua morte, annunciata da un portavoce del gruppo attraverso un messaggio audio, non sono state precisate. Lo stesso portavoce ha invece reso nota la nomina di un nuovo "califfo dei musulmani", Abu al-Hussein al Husseini al-Qurachi. Questi porta lo stesso nome del suo predecessore, che si riferisce alla tribù del profeta Maometto, da cui il "califfo" deve discendere.

Dopo una fulminea ascesa al potere nel 2014 in Iraq e in Siria, con la conquista di estesi territori, l'organizzazione terroristica ha subito in seguito pesantissimi rovesci sull'onda delle offensive sferrate nei due Paesi nel 2017 e nel 2019, quando venne ucciso il suo fondatore Abu Bakr al-Baghdadi. Da allora l'IS è stata a più riprese destabilizzata dall'uccisione o dalla cattura dei suoi capi.

Siria, ucciso il leader dell'ISIS

Siria, ucciso il leader dell'ISIS

TG 20 di giovedì 03.02.2022

 
RSI News/ARi
Condividi