Alexei Navalny sarebbe stato avvelenato con una bottiglia d'acqua nella sua camera d'albergo a Tomsk
Alexei Navalny sarebbe stato avvelenato con una bottiglia d'acqua nella sua camera d'albergo a Tomsk (Keystone)

Navalny ha lasciato l'ospedale

I medici ritengono che sia possibile un recupero completo. L'attivista e politico era stato ricoverato 32 giorni fa in Germania

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Alexei Navalny è stato dimesso. L'ospedale Charité di Berlino, che si è occupato di curare l'oppositore russo per l'avvelenamento subito, ha affermato che le condizioni del paziente sono migliorate abbastanza da permettergli di lasciare la struttura.

"Dopo 32 giorni di ricovero, in base ai progressi del paziente e alle sue condizioni attuali, i medici ritengono che sia possibile un recupero completo", ha sottolineato l'ospedale in una nota, specificando che Navalny è stato dimesso martedì. Nel dettaglio, però, i dottori ritengono che sia ancora troppo presto per valutare i potenziali effetti a lungo termine.

Alexei Navalny sarebbe stato avvelenato con una bottiglia d'acqua nella sua camera d'albergo a Tomsk e non all'aeroporto siberiano, come inizialmente ipotizzato. Lo sostiene il suo staff in un video condiviso su Instagram qualche giorno fa, affermando che sono state trovate tracce di un agente nervino su una bottiglietta vuota.

Nuove rivelazioni su Navalny

Nuove rivelazioni su Navalny

TG 12:30 di giovedì 17.09.2020

 
ATS/AnP
Condividi