Gli Stati Uniti, nel frattempo, si sono detti pronti a rispondere agli attacchi di droni (Keystone)

Prezzo del petrolio alle stelle

Dopo l'attacco alle raffinerie saudite il Brent ha segnato un +10,7% con un picco in apertura del 19,5%

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il prezzo del petrolio è aumentato di circa il 10% dopo l'attacco alle raffinerie saudite della Saudi Aramco.

Il Brent ha segnato un +10,7% a 66,66 dollari con un picco in apertura di contrattazioni del 19,5% pari a un rialzo di 12 dollari al barile, il maggiore dall'introduzione dei future nel 1988. Il greggio WTI ha invece segnato un +9,6% a 60,1 dollari al barile.

Gli Stati Uniti, nel frattempo, si sono detti pronti a rispondere agli attacchi di droni che hanno colpito le due principali raffinerie del paese ma aspettano conferme da Riad. Lo ha affermato via twitter il presidente Donald Trump senza però chiamare in causa esplicitamente l'Iran.

Il suo omologo iraniano Hassan Rohani, nel frattempo, ha affermato di non avere in programma un incontro con il presidente statunitense a margine dell'Assemblea generale dell'ONU che si terrà la prossima settimana a New York. Il portavoce del ministero degli Esteri di Teheran ha spiegato di non ritenere "che questo tipo di incontro avrà luogo in quell’occasione".

 

Gli attacchi alle raffinerie della Saudi Aramco sono stati rivendicati dai ribelli Huthi nello Yemen, sostenuti da Teheran. Il segretario di Stato statunitense Mike Pompeo ha dato la colpa all'Iran e Washington sostiene la sua tesi con immagini satellitari, che non fugano i dubbi, mentre il regime degli ayatollah nega ogni coinvolgimento.

Le conseguenze in Svizzera

Le conseguenze in Svizzera

TG 20 di lunedì 16.09.2019

 

Le conseguenze in Svizzera

Le conseguenze in Svizzera

TG 20 di lunedì 16.09.2019

 
Petrolio sotto alta tensione

Petrolio sotto alta tensione

TG 20 di lunedì 16.09.2019

 
Petrolio turbolento

Petrolio turbolento

TG 12:30 di lunedì 16.09.2019

 
ATS/AnP/pon
Condividi