La sentenza attesa per la prossima settimana
La sentenza attesa per la prossima settimana (keystone)

Processo Eternit in Cassazione

Tre giorni di udienze a Roma a carico del magnate svizzero Stephan Schmidheiny

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il processo Eternit approda oggi, mercoledì, in Cassazione a Roma, a distanza di poco più di un anno dal deposito delle motivazioni della condanna dell’unico imputato*, il magnate svizzero Stephan Schmidheiny.

La Corte di appello di Torino, il 3 giugno del 2013, aveva inflitto all’amministratore delegato della multinazionale una pena di 18 anni di reclusione per disastro ambientale doloso permanente e omissione dolosa di misure antinfortunistiche e il pagamento di 89 milioni di euro di risarcimento.

Le parti civili e la difesa saranno convocati anche lunedì 24 e mercoledì 26 novembre, quando dovrebbe essere emesso il verdetto.

Sono oltre 2'000, tra vittime e parenti, coloro che pretendono risarcimenti. L’amianto inalato da chi ha lavorato nelle fabbriche di Casale Monferrato e Cavagnolo, in Piemonte, Rubiera, in Emilia, e Bagnoli, in Campania, ha provocato centinaia di casi, spesso mortali, di mesotelioma pleurici e di asbestosi.

*solo davanti ai giudici dopo la morte del barone belga Louis de Cartier.

 

Ansa/AlesS

Dal TG20

Le parti civili
Le parti civili (keystone)

Dall'archivio:

Falò, Eternit: atto secondo

Falò, Eternit: la condanna

Falò, La multinazionale delle vittime

Modem, Eternit: sentenza storica

Condividi