Venerdì durante la videoconferenza
Venerdì durante la videoconferenza (keystone)

"Rispettate il rapporto ONU"

I legali di Assange chiedono di far cadere le accuse nei confronti del padre di WikiLeaks

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

“Il rapporto dell'ONU mi rende giustizia''. Lo ha affermato Julian Assange parlando in videoconferenza dall'ambasciata dell'Ecuador a Londra.

Il suo legale, Melinda Taylor, ha da parte sua dichiarato che il suo assistito è stato vittima di una “tortura psicologica”, riferendosi al controllo e alla sorveglianza continua delle autorità britanniche, mentre l’ex magistrato spagnolo Baltasar Garzon, consulente dell’attivista australiano, ha affermato che “è imperativo” che Gran Bretagna e Svezia rispettino il rapporto della commissione speciale delle Nazioni Unite, la quale ha stabilito arbitraria la detenzione del 44enne australiano, nonché che vengano abbandonati i procedimenti nei suoi confronti.

Una decisione, questa, che non è vincolante; Londra ha già dichiarato che arresterà comunque il fondatore di WikiLeaks se dovesse lasciare la rappresentanza diplomatica del paese sudamericano, dove si è rifugiato in seguito alle accuse che gli sono state mosse in Svezia per abusi sessuali e a quello che è stato definito lo scandalo "cable gate", che ha portato alla luce un'ingente rassegna di documenti riservati riguardanti l'operato del Governo e della diplomazia statunitense nel mondo.

ATS/ludoC

Dal TG20:

Il caso Assange divide

Il caso Assange divide

TG 20 di venerdì 05.02.2016

Condividi