Anche le piazze chiedono misure più incisive (archivio keystone)

Si rischia l'apartheid climatico

Saranno soprattutto i paesi in via di sviluppo, afferma l'ONU, a subire le conseguenze del surriscaldamento globale

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Gli effetti del surriscaldamento climatico avranno conseguenze terribili sulla società, non solo per quel che concerne l'accesso al cibo, all'acqua e a una casa, ma anche e soprattutto per la democrazia e lo stato di diritto. A farne le spese saranno i più poveri, mentre i ricchi riusciranno a sfuggire alla fame e ai cataclismi. Proprio per questo motivo, è stato coniato il termine "apartheid climatico".

Secondo Philip Alston c'è il rischio di cancellare i progressi fatti negli ultimi 50 anni in ambito di sviluppo, salute globale e riduzione della povertà
Secondo Philip Alston c'è il rischio di cancellare i progressi fatti negli ultimi 50 anni in ambito di sviluppo, salute globale e riduzione della povertà (Keystone)

A dirlo è un rapporto dell'ONU, che sarà presentato nei prossimi giorni a Ginevra. Secondo questa analisi, le future catastrofi colpiranno milioni di persone e circa il 75% della popolazione dei paesi in via di sviluppo pagherà i costi dei cambiamenti climatici, nonostante la metà della popolazione più povera sia responsabile della produzione di appena il 10% dell'anidride carbonica totale.

Philip Alston, relatore speciale delle Nazioni unite sulla povertà estrema e i diritti umani, ha criticato le misure adottate fin qui dalla stessa ONU, dal alcune nazioni, dalle ONG e dalle grandi industrie. Secondo l'esperto, i cambiamenti climatici potrebbero causare 120 milioni di nuovi poveri entro il 2030, con il forte rischio di cancellare i progressi fatti negli ultimi 50 anni in ambito di sviluppo, salute globale e riduzione della povertà.

FD/RG
Condividi