Spagna, "una sentenza tragica"

Parla l'avvocato ticinese che difende uno degli indipendentisti catalani condannati dalla Corte Suprema

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"La sentenza di oggi è una sentenza politica che viola gravemente i diritti fondamentali così come sono stati riconosciuti dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo". Lo afferma l'avvocato ticinese Olivier Peter, che si trova a Barcellona per difendere uno degli attivisti catalani condannati lunedì dalla Corte Suprema in relazione alla dichiarazione di indipendenza della Catalogna dell'ottobre 2017.

Il suo assistito, Jordi Cuixart, è stato condannato a 9 anni di carcere per sedizione. Quella di oggi è "una sentenza tragica, triste, non sono per la Catalogna ma per tutti i cittadini e le cittadine dello stato spagnolo e dell’Europa", ha aggiunto Peter, anticipando che il prossimo passo sarà il ricorso al Tribunale costituzionale, ed eventualmente anche a quello europeo dei diritti dell'uomo.

 

La sentenza, tuttavia, poteva essere molto più pesante. I giudici della Corte Suprema, infatti, non hanno preso in considerazione l'accusa di "ribellione", che invece è un crimine contro la Costituzione e che sarebbe stato punibile con pene più pesanti (fino a 25 anni di carcere).

TG/eb
Condividi