La prima ministra svedese Magdalena Andersson durante la riunione straordinaria dei socialdemocratici
La prima ministra svedese Magdalena Andersson durante la riunione straordinaria dei socialdemocratici (RSI)

Svezia e Finlandia con un piede nella NATO

A Stoccolma i socialdemocratici hanno assicurato il sostegno alla candidatura – Stoltenberg: “Fiducioso su compromesso con la Turchia”

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La Finlandia, come già scritto (vedi correlati), ha ufficializzato oggi (domenica) la sua "storica" richiesta di adesione alla NATO come conseguenza diretta dell'invasione russa dell'Ucraina. Al contempo anche la Svezia è pronta a seguirla, dopo il decisivo via libera arrivato nel pomeriggio di domenica dal partito socialdemocratico, che guida il Governo.

Con una netta inversione di rotta rispetto alla propria linea seguita da molto tempo, i socialdemocratici svedesi hanno infatti deciso di sostenere l'adesione, a condizione che il Paese non ospiti una base permanente della NATO o armi nucleari. L'adesione per i due Paesi nordici, bocciata da Mosca, sarebbe la prova che aggressioni come la guerra in Ucraina non pagano, ha dichiarato il segretario generale NATO Jens Stoltenberg, a margine della riunione dei ministri degli Esteri dell’Alleanza atlantica tenutasi a Berlino domenica.

Una candidatura congiunta con la Finlandia, ormai assicurata, è "la cosa migliore per la Svezia e la sua sicurezza", ha dal canto suo riferito la premier Magdalena Andersson dopo la riunione straordinaria del partito a Stoccolma.

 

Lunedì la leader svedese si recherà in parlamento per "garantire un ampio sostegno parlamentare alla candidatura". Il governo svedese prenderà poi la sua decisione, che rappresenterebbe un cambio epocale se si pensa che il Paese è neutrale da oltre 200 anni.

Ottimismo con la Turchia

Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg si è detto "fiducioso" che i Paesi membri dell'alleanza possano trovare un compromesso con la Turchia, dopo che il presidente Erdogan ha rilevato, almeno in parte, la propria contrarietà all'adesione svedese-finlandese. Ankara ha "chiaramente indicato la sua intenzione di non bloccare" l'ingresso dei due Paesi, ha dichiarato Stoltenberg a Berllino.

La Turchia critica - in particolare a Stoccolma - l'eccessiva indulgenza nei confronti del Partito dei Lavoratori del Kurdistan, il PKK, nonostante sia inserito nella lista delle organizzazioni terroristiche dell'UE.

Gli Stati Uniti "sostengono con forza" le richieste di adesione alla NATO di Svezia e Finlandia, ha dichiarato domenica al vertice di Berlino il Segretario di Stato Antony Blinken.

Dopo la fine della Guerra Fredda, Svezia e Finlandia erano già diventate partner della NATO e membri dell'Unione europea. Ma l'adesione alla NATO, politicamente impensabile fino a pochi mesi fa, segna una completa integrazione nel blocco occidentale.

ATS/dielle
Condividi