La sequenza dell'eruzione vista dal satellite
La sequenza dell'eruzione vista dal satellite (keystone)

Tonga tagliate fuori dal mondo

Le isole del Pacifico rimaste senza comunicazioni dopo lo tsunami seguito all'eruzione sottomarina. Gli aerei non possono atterrare per la nube di cenere

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Molte famiglie aspettano disperatamente notizie dei loro cari sulle isole Tonga, tagliate fuori dal mondo da quando la potente eruzione del vulcano sottomarino Hunga Tonga-Hunga Haʻapai della scorsa settimana ha scatenato uno tsunami nel Pacifico.

L'arcipelago è stato lasciato senza telefono e connessioni internet dopo che il disastro ha reciso un cavo di comunicazione. E la nube di cenere vulcanica impedisce agli aerei di atterrare.

Le poche informazioni filtrano dal Paese, di appena 100'000 persone, attraverso pochi telefoni satellitari, e la reale entità dei danni è in gran parte sconosciuta.

La Nuova Zelanda e l'Australia hanno inviato aerei militari di ricognizione lunedì per cercare di valutare l'entità dei danni dall'alto e determinare quali aiuti sono più necessari. "Sappiamo che l'acqua è un bisogno immediato", ha detto la prima ministra neozelandese Jacinda Ardern.

Gli aiuti saranno paracadutati

Nuova Zelanda e Australia hanno anche mobilitato aerei da trasporto militare C-130, pronti a decollare per Tonga una volta che la nube di cenere si sarà dissipata per paracadutare aiuti, o anche atterrare se le condizioni della pista lo permetteranno.

L'eruzione, una delle più potenti al mondo negli ultimi decenni, è stata sentita fino in Alaska. Ha scatenato uno tsunami che ha colpito le coste del Pacifico, dagli Stati Uniti al Cile al Giappone, e ha ucciso due persone in Perù. Cenere e pioggia acida sono caduti su gran parte del Pacifico.

"Penso che la cosa peggiore sia il blackout e il fatto che non sappiamo nulla", ha detto Filipo Motulalo, un giornalista tongano che lavora in Nuova Zelanda per il Pacific Media Network. "Non ci sono comunicazioni", ha aggiunto. "La nostra casa è una delle tante vicine alla zona che è già stata allagata, quindi non sappiamo quali siano i danni".

La premier neozelandese Jacinda ha detto domenica che il Governo neozelandese ha stabilito un contatto satellitare con l'Alta Commissione del Paese a Nuku'alofa. Non sono state segnalate vittime nella capitale, ma ci sono danni "significativi" in alcune aree.

Il ministro australiano per lo sviluppo internazionale, Zed Seselja, ha detto che gli agenti di polizia australiani di stanza a Tonga hanno inviato un rapporto "piuttosto preoccupante". "Le strade e alcune case hanno subito "danni", ma "una delle buone notizie ... è che l'aeroporto non ha subito danni significativi", ha detto il ministro. "Questo è molto, molto importante, perché non appena la nube di cenere si dissipa saremo in grado di inviare voli umanitari a Tonga", ha aggiunto.

"Dalle poche informazioni che abbiamo, la portata della devastazione potrebbe essere immensa, specialmente per le isole più remote", ha detto Katie Greenwood della Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa.

Una foto satellitare scattata alla fine della settimana scorsa mostra il momento dell'eruzione di Hunga Tonga-Hunga Ha'apai, su una delle isole disabitate di Tonga: un enorme fungo di fumo e cenere alto 30 km, seguito immediatamente dall'inizio di uno tsunami.

Onde fino a 1,2 metri si sono infrante su Nuku'alofa, dove i residenti sono fuggiti su terreni più alti, lasciandosi alle spalle case allagate, mentre rocce e cenere cadevano dal cielo.

"È stata un'enorme esplosione", ha detto il residente di Tonga Mere Taufa al sito web di notizie Stuff. La terra tremava, tutta la casa tremava". Arrivava a ondate. Mio fratello minore pensava che bombe stessero esplodendo vicino a casa nostra. Pochi minuti dopo, l'acqua è arrivata fino al soffitto della loro casa.

"Direi che siamo ansiosi, non spaventati", ha detto il segretario della comunità tongana di Auckland, Kennedy Maeakafa Fakana'ana'a-ki-Fualu.

La riparazione del cavo da cui Tonga dipende per le comunicazioni "potrebbe richiedere fino a due settimane", ha detto il direttore del Southern Cross Cable Network, Dean Veverka. "La nave più vicina per posare il cavo è a Port Moresby", la capitale della Papua Nuova Guinea, a più di 4'000 chilometri da Tonga, ha detto.

ATS/M. Ang.
Condividi