(KEYSTONE)

Schmidheiny fece disinformazione

Processo Eternit: pubblicate le motivazioni della sentenza di condanna dello scorso 3 giugno

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La produzione di Eternit in Italia è proseguita per quasi un decennio dopo che ne era stata resa nota la pericolosità "solo per effetto dell'opera di disinformazione consapevolmente promossa" da Stephan Schmidheiny.

Lo scrivono i giudici della Corte d'appello di Torino nelle motivazioni della sentenza di condanna del 3 giugno.

La pena inflitta al magnate svizzero per le migliaia di vittime dell’amianto nei quattro stabilimenti italiani è di 18 anni di reclusione. La stessa condanna sarebbe toccata anche all'altro imputato, il barone belga Louis de Cartier, morto a fine maggio.

TXT


Condividi