"Immaginabili disposizioni sul rapporto tra numero di infermieri e pazienti dei quali devono occuparsi" (archivio keystone)

Cure infermieristiche, e ora?

Come applicare l’iniziativa approvata domenica? Glättli (Verdi): “Gli stipendi non verranno regolati, ma le condizioni sì” – Burkart (PLR): “Servirà tempo”

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

In che modo, e quando, verrà concretizzata l'iniziativa "Per cure infermieristiche forti" accettata ieri a larga maggioranza da popolo e cantoni? È la domanda alla quale dovranno dare ora una risposta Consiglio federale e Parlamento. Dopo la sconfitta il ministro della sanità Alain Berset ha assicurato che i lavori partiranno subito.

Il principio delle condizioni di lavoro adeguate per il personale infermieristico iscritto ora nella Costituzione fa correre il pensiero naturalmente ai salari, anche se in realtà "la questione degli stipendi  non verrà regolata dalla Confederazione, bisognerà continuare a tenere conto delle differenze regionali" dice alla RSI dal fronte dei favorevoli il presidente dei Verdi Balthasar Glättli, per il quale è però possibile immaginare nella legge delle disposizioni ad esempio per quanto riguarda il rapporto tra numero di infermieri e pazienti dei quali devono occuparsi, oggi ritenuto dagli iniziativisti troppo elevato e tra le cause dell'eccessivo carico di lavoro.

Per quanto riguarda i maggiori mezzi per la formazione degli infermieri, un miliardo tra Confederazione e cantoni, secondo Glättli è possibile agire rapidamente perché tutto era già previsto nel controprogetto che ora non entrerà in vigore. Parallelamente - aggiunge – “si tratta di discutere delle condizioni di lavoro”.

Burkart (PLR): “Servirà tempo”

“Alcuni elementi possono certamente essere ripresi, ma non è in ogni caso abbastanza perché la Costituzione va oltre” - afferma da parte sua il presidente PLR Thierry Burkart - per il quale proprio le condizioni di lavoro imporranno un ampio dibattito, “e purtroppo questo necessiterà di tempo”.

I prossimi mesi ci diranno come Governo e Parlamento intendono agire in favore del personale infermieristico. La Federazione degli ospedali intanto avverte: per applicare l'iniziativa serviranno più soldi.

RG-Serena/Red. MM
Condividi