La febbre e la richiesta non scendono (keystone)

La casa è sempre più un miraggio

A luglio saliti ancora i prezzi delle unifamiliari in Svizzera (+1,5%) – Gli affitti scendono invece leggermente (- 0,6%), ma non in Ticino

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Comprare una casa in Svizzera è sempre più costoso. I prezzi sono ancora aumentati durante lo scorso mese di luglio per i potenziali acquirenti, secondo l'indice immobiliare del portale Immoscout24. La domanda di case unifamiliari resta infatti sempre alta, richiesta che ha provocato una salita dei prezzi dell’1,5%. Negli ultimi dodici mesi, i prezzi delle l’aumento è stato di ben il 9,4%, come riporta lo Swiss Real Estate Offer Index. L’indice è compilato da ImmoScout24 in collaborazione con la società di consulenza immobiliare IAZI AG.

Secondo l'indice, una casa tipica con 160 metri quadrati di superficie abitabile viene venduta a un prezzo medio di circa 1,13 milioni di franchi.

L’altra faccia della medaglia, affitti giù dello 0,6% (non in Ticino e Grigioni)

Gli affitti, dall’altra parte, hanno subito un calo dello 0,6% lo scorso luglio. Per un classico appartamento in affitto di 100 mq, era necessario pagare in media di 2’163 CHF al mese, spese incluse. L'affitto medio mensile è quindi praticamente sceso al livello di inizio anno, precisa Immoscout.

I prezzi degli affitti si sono però sviluppati in modo diverso a seconda della regione. Ci sono state diminuzioni nella Svizzera centrale (-0,3 per cento) e nella regione del Lago di Ginevra (-0,3 per cento). Secondo il portale il calo nazionale è dovuto anche e soprattutto alla regione del lago di Ginevra, che ha un grande volume di mercato e allo stesso tempo un alti livelli di prezzi e modella quindi la tendenza generale.

Lo scenario è decisamente differente a Sud delle Alpi: in Ticino gli affitti sono infatti aumentati del 2,3%, mentre nella Svizzera orientale l’aumento è stato dello 0,3%. I canoni sono infine aumentati anche nella Svizzera nord-occidentale (+0,5%).

ATS/dielle
Condividi