La quota di coloro che vedono la disoccupazione come un problema è scesa bruscamente al 14%
La quota di coloro che vedono la disoccupazione come un problema è scesa bruscamente al 14% (keystone)

La pandemia continua a preoccupare

Il coronavirus resta in cima al barometro dei timori degli svizzeri, con il clima e la previdenza per la vecchiaia

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il coronavirus resta la principale preoccupazione degli svizzeri: 2 persone su 5 l'hanno menzionato tra le prime 5 preoccupazioni (39% degli  intervistati, l'anno scorso era il 51%). Seguono, approssimativamente con le stesse percentuali, i cambiamenti climatici e la previdenza per la vecchiaia. Lo rileva il barometro di Credit Suisse.

Per la prima volta, sottolinea il comunicato, sono tre le preoccupazioni principali in testa alla classifica. Seguono le relazioni con l'UE (33%), l'aumento dei costi della sanità e dei premi di cassa malati (25%). Gli stranieri e i richiedenti d'asilo sono al sesto e al settimo posto.

Le preoccupazioni degli svizzeri

Le preoccupazioni degli svizzeri

TG 12:30 di giovedì 25.11.2021

 

Vero cambiamento, o solo una moda?

La quota di coloro che vedono la disoccupazione come un problema è scesa bruscamente al 14%. "Le preoccupazioni classiche come la disoccupazione o la migrazione sembrano lentamente svanire sullo sfondo. I temi che si concentrano sulla giustizia sociale stanno guadagnando slancio", ha detto Cloé Jans dell'istituto gfs.bern, citato nel comunicato stampa, aggiungendo che il quesito da porsi è se si tratta di un cambiamento fondamentale o semplicemente un fenomeno di moda. Jans sottolinea che è probabile che la tendenza continui per questioni come l'ambiente e l'uguaglianza, poiché questi sono valori ben consolidati, soprattutto tra le giovani generazioni.

Riserve sul federalismo

Come nell'anno precedente, quasi due terzi degli intervistati (65%) considerano la loro situazione economica "buona" o "molto buona". Tre quarti credono che saranno in grado almeno di mantenere la loro situazione. La percentuale di coloro che si aspettano un peggioramento della loro situazione economica è tornata al livello pre-pandemico del 10%.

Se la fiducia nella politica era aumentata all'inizio della pandemia, ora è di nuovo in calo: il 63% ha fiducia nel Consiglio federale, un calo di 5 punti percentuali. Anche la fiducia nel parlamento e nell'amministrazione è diminuita.

Nel complesso, il sondaggio dà un voto alto al sistema politico: il 57% ritiene che la Svizzera stia affrontando la pandemia meglio di altri paesi. Tuttavia, gli svizzeri diventano critici quando si entra nel dettaglio: il 63% vuole che la Confederazione disponga di più poteri in caso di crisi, rispetto ai cantoni. Il 55%, inoltre, ha descritto la gestione della crisi nella seconda ondata dello scorso autunno come inadeguata.

Per realizzare il Barometro della preoccupazione 2021, l'istituto gsf.bern ha intervistato 1'722 persone di tutta la Svizzera tra luglio e agosto. Il margine di errore è più o meno 2,3 punti percentuali.

ATS/Bleff
Condividi