L'integrazione passa dai campi

Concluso con successo un progetto pilota della Confederazione per l'impiego di rifugiati nell'agricoltura

I rifugiati e le persone ammesse provvisoriamente in Svizzera potrebbero essere impiegate in futuro nel settore agricolo. Il progetto pilota d’integrazione, voluto dalla Confederazione e conclusosi lo scorso anno, ha dato buoni risultati, con la soddisfazione di tutte le parti coinvolte.

Nel corso di una conferenza stampa mercoledì a Berna, i principali attori dell’iniziativa hanno tracciato un bilancio e presentato le sfide future, affinché il piano possa essere esteso e concretizzato in tutto il paese.

Stando all’Unione svizzera dei contadini e alla Segreteria di Stato della migrazione, tra il 2015 e il 2017 trenta persone sono state impiegate in 17 aziende agricole e ben 24 di loro hanno concluso il percorso formativo con successo. Costo dell'operazione: 280’000 franchi, metà a carico dell'Unione svizzera dei contadini e metà a carico della Segreteria di Stato della migrazione.

ATS/bin

Per saperne di più:

- Il comunicato della Confederazione

Rifugiati per le fattorie svizzere

Rifugiati per le fattorie svizzere

TG 12:30 di mercoledì 08.08.2018

Rifugiati utili all'agricoltura

Rifugiati utili all'agricoltura

TG 20 di mercoledì 08.08.2018

 
Condividi