La nuova proposta è stata presentata mercoledì a Berna
La nuova proposta è stata presentata mercoledì a Berna (Keystone)

Reddito di base, comitato ci riprova

L'idea cerca di riprendere vigore in Svizzera a cinque anni dalla bocciatura alle urne

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

A cinque anni dal secco "no" alle urne, un comitato apartitico torna alla carica con una nuovo progetto di reddito di base incondizionato. La misura dovrebbe essere finanziata, tra le altre cose, da tasse più alte per il settore finanziario e le aziende tecnologiche. L'obiettivo dell'iniziativa "Vivere dignitosamente - Per un reddito di base finanziariamente sostenibile" è di garantire un sostentamento per tutti, tutelare il diritto umano a una vita dignitosa e all'autodeterminazione e di valorizzare il lavoro finora non retribuito, ha indicato il comitato in una nota.

Per arrivarci, propone di modificare l'articolo 110 della Costituzione federale in modo che un reddito di base sia garantito a tutte le persone che vivono in Svizzera. La misura dovrebbe essere concepita in modo da contribuire a preservare e sviluppare le assicurazioni sociali. L'introduzione di un reddito di base è tornata di grande attualità con la crisi sanitaria, spiega il comitato motivando la nuova iniziativa.

Il primo tentativo di introdurre un reddito di base incondizionato è stato respinto dal popolo svizzero nel giugno 2016 con il 76,9% dei voti.

Reddito di base incondizionato

Reddito di base incondizionato

TG 20 di mercoledì 06.06.2018

 
ATS/OCartu
Condividi