Durante l'insegnamento a distanza sono aumentati i divari tra gli allievi (keystone)

Scuola, i docenti chiedono misure

È necessario, dicono, un responsabile della protezione della salute negli istituti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L’Associazione delle insegnanti e degli insegnanti della Svizzera (LCH) sostiene che è necessario trarre insegnamenti dalla crisi del coronavirus: chiedono alcune misure per il rientro a scuola, tra cui l’istituzione di un responsabile della protezione della salute negli istituti.

La crisi, hanno precisato, avrà ripercussioni anche sull'anno scolastico 2020-2021: in seguito all'insegnamento a distanza praticato nei vari cantoni, il divario di rendimento si è infatti ulteriormente ampliato tra gli allievi "avvantaggiati" e coloro che - sul piano educativo - lo sono meno, hanno spiegato.

Per il nuovo anno, sarà necessario prestare maggiore attenzione a quegli alunni per i quali sono emerse lacune nell'apprendimento nel corso del confinamento. Le risorse aggiuntive promosse durante l'insegnamento a distanza a causa della pandemia devono quindi essere disponibili per tutto il nuovo anno scolastico.

ats/mrj

Condividi