Aule pronte
Aule pronte (Ti-Press)

Scuole si pensa a mesi di chiusura

Silvia Steiner, presidente della Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione: "pronti per un'estensione del provveddimento"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La chiusura delle scuole in Svizzera potrebbe protrarsi a lungo. Molto oltre l'inizio di aprile come finora deciso.

"La scienza dice che ci vorranno dai tre ai quattro mesi prima che l'epidemia si plachi: dobbiamo pertanto aspettarci lezioni da casa per questo periodo", ha affermato Silvia Steiner, la presidente della Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione. 

Scuole chiuse fino al 4 aprile

Scuole chiuse fino al 4 aprile

Il Quotidiano di venerdì 13.03.2020

 

"Stiamo pianificando in modo tale da essere pronti per un'estensione del provvedimento" varato dal governo, ha dichiarato, confermando una notizia della "NZZ am Sonntag". La situazione è straordinaria - ha aggiunto - e richiede una valutazione quotidiana: anche lo scenario peggiore deve essere pianificato.

In seguito alla rapida estensione dell'epidemia di coronavirus, venerdì il Consiglio federale ha decretato la fine delle lezioni nelle scuole da lunedì fino al 4 aprile. Gli studenti - almeno quelli del post obbligatorio - dovranno lavorare a casa. Alcuni cantoni sono già andati oltre la raccomandazione del Governo e hanno prorogato le misure fino all'inizio delle vacanze di primavera del 13 aprile. Ciò che, per esempio in gran parte dei Grigioni e a Zurigo, significa che gli allievi non torneranno in classe prima dell'inizio di maggio.

Silvia Steiner, presidente della Conferenza dei direttori della pubblica educazione della Svizzera tedesca
Silvia Steiner, presidente della Conferenza dei direttori della pubblica educazione della Svizzera tedesca (keystone)

"La scuola andrà avanti, ma in forma diversa", ha sottolineato Silvia Steiner. Nel paese ci sono insegnanti con una formazione eccellente che stanno sviluppando concetti innovativi in questa situazione senza precedenti. "In ogni caso, vogliamo evitare che questa misura straordinaria provochi una svolta nella carriera educativa dei bambini e dei giovani".

Diem/ATS
Condividi