La mappa della zona dell'incidente (keystone)

Spazzati via dal fiume

Le autorità sangallesi presumono che sia morto anche il quarto spagnolo che manca ancora all'appello dopo l'incidente di canyoning

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

È probabilmente morto anche il quarto turista spagnolo coinvolto nell'incidente di canyoning di mercoledì sera nella gola del Parlitobel. È l'ipotesi della polizia cantonale di San Gallo, che coordina le ricerche, scattate dopo l'allarme lanciato da due donne che partecipavano alla vacanza in Svizzera ma non hanno affrontato la discesa.

Il gruppo era formato da quattro uomini tra i 30 e i 48 anni arrivati dalla Navarra. Tutti erano esperti di canyoning che avevano già affrontato altre gole in Svizzera.  La discesa di mercoledì sera è stata fatta senza una guida. Dalla posizione in cui sono stati trovati i tre corpi recuperati si presume che siano stati travolti dalle acque del fiume, ingrossate da un improvviso temporale.

 

Le ricerche, interrotte durante la notte a causa del maltempo, sono riprese giovedì mattina e continuano ad ampio raggio. Se il tempo dovesse tornare a peggiorare saranno nuovamente arrestate per garantire la sicurezza dei soccorritori.

sf/ATS
Condividi