Spesso le terre pregiate scompaiono per far posto a nuovi edifici (tipress)

Suolo, come tutelarlo meglio

La pianificazione del territorio, sostiene il Fondo nazionale per la ricerca, deve innanzitutto tutelare le terre pregiate, spesso vicino a città e villaggi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La Svizzera non presta sufficiente attenzione al suolo e al suo valore inestimabile per l'agricoltura, la biodiversità, la protezione del clima e delle risorse idriche. Lo ricorda il Fondo nazionale svizzero per la ricerca (FNS), che ha stilato una serie di raccomandazioni per arrivare a un uso sostenibile di questa preziosa risorsa.

Troppo spesso il suolo in Svizzera viene utilizzato in maniera inappropriata, viene inquinato, subisce erosione, compattazione. Il pericolo maggiore è tuttavia rappresentato dalla costante e rapida urbanizzazione, hanno sottolineato lunedì in conferenza stampa a Berna gli autori dello studio, denominato PNR68 (Uso sostenibile della risorsa suolo)

Molto spesso l'uomo si è insediato sulle terre di maggior pregio, che ancora oggi si trovano nelle immediate vicinanze di città e villaggi, e scompaiono sovente per far posto a nuovi edifici, ha rilevato la professoressa Adrienne Grey-Regamey, del Politecnico federale di Zurigo (ETH). Per limitare questo fenomeno è necessario che il mondo politico intervenga rapidamente, in maniera più coordinata, adottando una strategia che tenga conto dei vari interessi in gioco.

Punteggio ad ogni terreno

Concretamente, i ricercatori propongono di integrare la qualità del suolo nei processi decisionali legati alla pianificazione del territorio. Per farlo hanno elaborato una serie di indicatori per attribuire un punteggio ad ogni terreno, quantificandone la qualità. Ciò permette di prendere decisioni più oculate, preservando le terre più pregiate e spingendo a costruire all'interno degli agglomerati.

Gli autori hanno anche posto l'accento sul potere decisionale di ogni singolo consumatore svizzero, che utilizza anche molto suolo al di fuori dei confini nazionali: basti pensare alla grande quantità di prodotti agricoli importati annualmente.

ATS/ludoC
Condividi