Impossibile circolare per i tram sabato fra Milchbuck e Irchel
Impossibile circolare per i tram sabato fra Milchbuck e Irchel (keystone)

Trasporto pubblico "gelato"

Ancora disagi per il freddo e la neve nella Svizzera tedesca - Treni soppressi su alcune linee e mezzi a singhiozzo a Zurigo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La neve caduta abbondante giovedì, il freddo (quella su sabato è stata la notte più gelida dell'anno con temperature che anche in pianura sono arrivate a sfiorare i -18 gradi), il vento e il ghiaccio continuano a mettere duramente sotto pressione il trasporto pubblico nella Svizzera tedesca. Nella Svizzera orientale diverse tratte ferroviarie sono ancora bloccate, mentre nell'Oberland bernese la linea fra Brienz e Interlaken Ost rimane interrotta da una valanga.

 

A Zurigo su numerose linee i tram non circolano o lo fanno in modo ridotto, mentre i bus non rispettano gli orari. È ferma per i lavori di sgombero anche la Uetlibergbahn, ma questo non ha impedito a un gran numero di sciatori fuori pista e appassionati della slitta di salire a piedi sulla montagna con vista sulla città, per godersi poi una bella discesa.

 

Disagi, dopo le eccezionali nevicate di venerdì, vengono segnalati pure in altre località, e anche oggi, domenica, nevica soprattutto nella parte settentrionale e occidentale del paese. È toccato anche il traffico internazionale, con treni cancellati fra Zurigo e Stoccarda e fra Basilea e Mulhouse.

Il numero delle perturbazioni è immenso, secondo le FFS, confrontate a un gran numero di perturbazioni. Si va dagli alberi caduti sulla rete lunga 3'000 chilometri ai pantografi congelati di alcuni dei 4'000 convogli della flotta. Tanto che malgrado i servizi siano stati rafforzati al massimo e si stia lavorando 24 ore su 24, ci si attende che i disagi proseguano anche la prossima settimana.

Per saperne di più:

La situazione sulla rete

ATS/pon
Condividi