La copertina del rapporto
La copertina del rapporto (WWF)

WWF: "È in atto un'ecatombe"

L'organizzazione ambientalista pubblica il rapporto annuale: "La Svizzera non sfugge alla strage"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il WWF ha pubblicato oggi, giovedì, il rapporto annuale che fa il punto della situazione sullo stato di salute del pianeta. "La biodiversità è in grave declino a un ritmo mai registrato finora — si legge nel comunicato che accompagna il documento — e nemmeno la Svizzera è scampata alla strage". Segue poi l'appello a "interventi di rinaturazione e di protezione delle acque ancora intatte".

L'indice globale del pianeta vivente
L'indice globale del pianeta vivente (WWF)

L'organizzazione ambientalista sostiene che i danni maggiori siano causati sempre dall'uomo: perdita e deterioramento degli habitat, sfruttamento eccessivo delle specie, inquinamento, malattie invasive e cambiamenti climatici.

"Entro il 2020 spariranno due terzi delle specie a livello globale", e già ora siamo oltre i confini di sicurezza della vita sulla Terra."

L'analisi torna sulle specie ittiche elvetiche: il 58% di queste figura sulla "Lista rossa" e otto sono già estinte; quelle più minacciate sono il temolo, la trota di lago o il rodeo amaro. I salmoni, invece, sono del tutto scomparsi nella Confederazione.

 

Il Living planet report è pubblicato ogni due anni ed è l'opera scientifica più importante del WWF. Essa prende in esame 42 anni di dati e descrive la tendenza dei cambiamenti globali indicando la riduzione media degli effettivi di specie sulla terra, nel mare e nelle acque dolci.

Per saperne di più: 

La pagina del WWF Svizzera dedicata al Living planet report 2016

px

Condividi