(spab)

Degrado, il caso era noto

La famiglia di Pregassona, che viveva fra sporcizia e 18 cani, era conosciuta dai servizi sociali luganesi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un appartamento colmo di immondizia, con un odore lancinante, sporcizia ovunque e 18 cani: questa è la realtà che durava da tempo e che viveva fino a venerdì una famiglia in una palazzina di Pregassona, emersa agli onori delle cronache lunedì.

Oltre che dai due genitori anche da tre figli tutti adolescenti. Vivevano fra mura trasformatosi nel tempo in una discarica. Gli addetti alla disinfestazione operavano con le apposite maschere per respirare.

La madre, da nostre informazioni, sarebbe stata interrogata. Questa chiara situazione di degrado è stata illustrata dagli scatti resi pubblici dalla Societa protezione degli animali di Bellinzona (SPAB) che è intervenuta venerdì per salvare i cani.

CSI 18.00 del 24.09.2018 - Il servizio di Sharon Bernardi
CSI 18.00 del 24.09.2018 - Il servizio di Sharon Bernardi
 

"Il nucleo familiare - spiega il responsabile del Dicastero formazione, sostegno e socialità di Lugano Lorenzo Quadri- era già noto ai servizi sociali che hanno però dei limiti di intervento". Lo stesso municipale afferma che "più volte era stato chiesto di poter effettuare dei sopralluoghi al domicilio cosa che, dalle persone direttamente interessate è sempre stato rifiutato in modo categorico". Per ciò che riguarda i minori si sarebbero potute ordinare misure di protezione diverse, chiosa Quadri.

I vicini di casa hanno manifestato stupore dopo aver visto le immagini della SPAB di Bellinzona, anche se "l'odore" era eloquente. C'è anche chi era andato dalla portinaia e chi si è rivolto all'amministrazione che, contattata dalla RSI, non ha voluto rilasciare dichiarazioni.

CSI/sdr
Condividi