La difesa chiedeva la derubricazione dell’assassinio a omicidio intenzionale
La difesa chiedeva la derubricazione dell’assassinio a omicidio intenzionale (Rescue Media)

Delitto di Caslano, pena confermata

La Corte di appello respinge il ricorso del giovane che nel 2018 uccise la nonna e conferma che fu un assassinio

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il delitto di Caslano fu un assassinio e non un omicidio. Lo ha stabilito la Corte d’appello, presieduta dalla giudice Giovanna Roggero-Will, che ha respinto il ricorso del giovane che nel luglio del 2018 ha ucciso la nonna a colpi di martello e tentato poi di dare fuoco al corpo.

L’imputato, difeso dall’avvocato Daniel Ponti, chiedeva la derubricazione dell’assassinio a omicidio intenzionale e una riduzione della pena a un massimo di 10 anni sospesi a favore di un trattamento stazionario.

La Corte ha invece confermato la sentenza di prima istanza: 18 anni sospesi a favore di un trattamento stazionario, per i reati di assassinio, incendio intenzionale e turbamento della pace dei defunti.

Uccise la nonna, 18 anni di carcere

Uccise la nonna, 18 anni di carcere

Il Quotidiano di giovedì 12.12.2019

 
Quotidiano/sf
Condividi