Immagine d'archivio (tipress)

Fumo e parchi: no a divieto generale

Il Parlamento ticinese contro l’introduzione di norme cantonali per bandire le sigarette dalle aree per bambini: "Responsabilità individuale, comuni emano già direttive"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Niente divieto generalizzato di fumo nei parchi giochi ticinese: il Gran Consiglio ha bocciato oggi, lunedì, una mozione in materia, depositata dalla deputata del PPD Nadia Ghisolfi. I parlamentari hanno infatti accolto – con 51 sì, 28 voti contrari e 3 astenuti – il rapporto di maggioranza della Commissione sanità, che chiedeva appunto di dire “no” all’atto parlamentare.

 

Atto che chiedeva di estendere a livello cantonale una serie di norme che esistono già in alcuni comuni, vietando così la possibilità di fumare nelle aree di svago rivolte ai bambini.

CSI 18.00 del 03.06.2019 Il reportage di Alessandro Broggini
CSI 18.00 del 03.06.2019 Il reportage di Alessandro Broggini
 

Da più parti è si è fatto leva sul principio della responsabilità individuale e del buon senso, sottolineando che è meglio lasciare ai comuni la possibilità di autoregolamentarsi in materia. Inoltre, giacché il fumo all’aperto non rappresenta un problema di salute pubblica (da più parti è stato detto che non esistono studi che confermano la pericolosità del fumo passivo negli spazi all’aperto), per lottare contro il tabagismo e i danni causati dal fumo (tutti in aula, senza distinzioni partitiche, hanno sottolineato come il fumo faccia male) è più utile – è stato detto – puntare su campagne di prevenzione e sensibilizzazione, invece di “calare dall’alto ulteriori divieti”.

Altre due mozioni rispedite al mittente

Il Parlamento ha pure affrontato anche altre due mozioni di Nadia Ghisolfi contro il fumo; la prima chiedeva di vietare il fumo presso le fermate e le stazioni dei mezzi pubblici di trasporto; la seconda di vietarlo presso le entrate dei locali chiusi accessibili al pubblico o adibiti a luoghi di lavoro per più persone. Mozioni nei confronti delle quali era però stato redatto unicamente un rapporto di maggioranza contrario alla loro approvazione e che quindi, formalmente, non potevano essere accettate.

La puntata di Modem sul tema:

Libertà di fumo all'aria aperta

Libertà di fumo all'aria aperta

Il Quotidiano di lunedì 03.06.2019

ludoC
Condividi