Il tesserino per i fungiatt non ha suscitato troppi entusiasmi in Governo
Il tesserino per i fungiatt non ha suscitato troppi entusiasmi in Governo (©Ti-Press)

Funghi, stop al tesserino

Il progetto di un documento per i cercatori si arena in Governo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Non passa il progetto di rielaborazione della normativa cantonale sulla raccolta dei funghi avanzato dal Dipartimento del territorio (DT). Ne dà notizia giovedì il Corriere del Ticino precisando che a Bellinzona il Governo non è rimasto troppo convinto della cosa, benché si tratti d'una tematica attesa da molto tempo.

Il piano elaborato dal dipartimento diretto da Claudio Zali mirava a proteggere zone sensibili del territorio ticinese dall’eccessivo afflusso di cercatori mediante l’introduzione di tesserini per i cercatori, i cosiddetti fungiatt. Per i residenti il documento sarebbe stato gratuito, mentre per gli stranieri sarebbe stato a pagamento come una tassa di cancelleria.

Già lo scorso giugno si era conclusa la procedura di consultazione con enti e associazioni coinvolte, ma il messaggio si è incagliato una volta giunto sul tavolo del Consiglio di Stato. Tra le ragioni vi sarebbero le dodici zone prescelte, il calendario stagionale, l'iter previsto per la concessione dei tesserini e così via.

EnCa

Dal Quotidiano:

Condividi