Il Ceneri non è più un ostacolo

In vigore il nuovo orario ferroviario con il tunnel di base - Tempi di percorrenza ridotti tra Bellinzona, Locarno e Lugano - Primi viaggiatori accolti da un messaggio della presidente della Confederazione

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La nuova trasversale ferroviaria alpina del San Gottardo che consente ai treni di attraversare la Svizzera a velocità elevata senza dover affrontare grandi pendenze per tutta la tratta da Chiasso a Basilea è realtà. Con il cambio dell'orario entrato in vigore oggi, domenica, i treni passeggeri e merci hanno cominciato a circolare regolarmente nella nuova galleria di base del Ceneri. Il traforo di 15,4 chilometri, tra Camorino e Vezia, come constatato dai passeggeri a bordo dei primi treni che hanno affrontato il viaggio, avvicina in modo sostanziale il Sopraceneri e il Sottoceneri, riducendo notevolmente la durata del viaggio anche verso i grandi agglomerati a nord e a sud delle Alpi (da Lugano a Zurigo ora il viaggio dura meno di 2 ore). Il primo treno a compiere un viaggio regolare nel tunnel di base è stato l'Intercity Chiasso-Olten partito dalla città di confine alle 5.34 con fermata a Lugano alle 6.00 e arrivo a Bellinzona alle 6.14.

RG 12.30 del 13.12.2020 Il servizio di Romina Lara
RG 12.30 del 13.12.2020 Il servizio di Romina Lara
 

Viaggiatori stupiti

Il nuovo modo di spostarsi in Ticino ha lasciato di stucco i viaggiatori accolti sui convogli da un messaggio augurale della presidente della Confederazione nonché titolare del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni Simonetta Sommaruga. Tutti si sono detti stupiti dalla rapidità con cui ora si supera il Monte Ceneri: i turisti, gli appassionati di treni che non hanno voluto perdersi la giornata storica seppur vissuta sotto tono a causa della pandemia e, soprattutto i pendolari abituati a viaggi ben diversi. Tutti entusiasti anche se qualcuno si è detto dispiaciuto di non poter più ammirare i paesaggi tra Giubiasco e Rivera-Bironico dove i treni dovevano affrontare un dislivello di circa 240 metri. Da oggi la metà dei collegamenti tra Bellinzona e Lugano avviene in 14-15 minuti rispetto ai 30 precedenti e tra Locarno e Lugano in 29 (prima ce ne volevano almeno 50). E in aprile ci sarà l'ulteriore potenziamento che consentirà la messa a regime di tutta la nuova offerta del trasporto pubblico regionale del Ticino e del Moesano, rinviata di alcuni mesi a causa dei ritardi provocati dalla pandemia alla conclusione dei alcuni cantieri e alla formazione del personale aggiuntivo.

Poco meno di 6'000 corse di prova

Dall'inaugurazione avvenuta lo scorso 4 settembre, le FFS hanno effettuato una serie di test attraverso il nuovo tunnel del Ceneri al quale si era cominciato a lavorare nel 2006. Secondo le informazioni dell'Ufficio federale dei trasporti (UFT), nella struttura sono transitati circa 5'800 treni passeggeri e merci. Hanno permesso di verificare il funzionamento di tutte le componenti dei sistemi di gestione del traffico, di sicurezza e di esercizio del tunnel, l'ultima grande opera prevista nell'ambito del progetto della linea AlpTransit San Gottardo. I lavori sono durati complessivamente 27 anni e altri cantieri dovrebbero aprire in futuro per completare la realizzazione. Al momento risulta priva di altri due grandi tunnel previsti negli anni Novanta (lo Zimmerberg tra Thalwil e Zugo e l'aggiramento di Bellinzona da Gnosca a Sementina) e del collegamento a sud di Lugano.

Quella del Ceneri non è però la sola galleria ferroviaria ad entrare in funzione domenica in Svizzera. Il tunnel dell'Eppenberg, lungo 3,1 chilometri, porta da due a quattro i quattro binari sulla linea Olten-Aarau, aumentando la capacità sull'asse est-ovest, una delle principali arterie della rete ferroviaria elvetica. Inoltre l'orario 2021 porta anche collegamenti più veloci e frequenti tra la Svizzera e gli altri paesi. I nuovi treni Astoro copriranno la tratta Zurigo-Monaco di Baviera in 4 ore con tempi di percorrenza ridotti di 45 minuti.

I treni SOB sulla linea storica

Foto ricordo di un momento storico: il primo Voralpen Express Traverso ad Airolo
Foto ricordo di un momento storico: il primo Voralpen Express Traverso ad Airolo (RSI)
 

Inoltre, ed è un'altra novità di rilievo nel panorama ferroviario elvetico, la Südostbahn (SOB) per la prima volta assicura servizi a lunga percorrenza. Gestirà la linea storica del San Gottardo al posto delle FFS proponendo treni a cadenza oraria alternati da Basilea e Zurigo verso Bellinzona e viceversa.

Sull'Altipiano centrale, la BLS rileva altre due linee a lunga percorrenza dalle FFS, la Olten-Berna via Burgdorf e la Berna-Neuchâtel-La-Chaux-de-Fonds. Dal 2019 la BLS gestisce inoltre il Regioexpress Berna-Bienne come linea a lunga percorrenza.

 
Diem/ATS/CSI
Condividi