Immagine d'archivio (TiPress)

Il virus continua a far paura

L'eventuale estensione nelle libertà di visita preoccupa chi opera negli istituti per anziani

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

È un equilibrio difficile quello da raggiungere tra sicurezza e socialità all’interno delle case per anziani. Se da una parte c’è la voglia di un ritorno alla normalità, con una maggiore libertà nelle visite, dall’altra c’è la paura che il virus torni a colpire come nella prima ondata della pandemia.

“Il pericolo c’è e tutti devono essere consapevoli che se noi allentiamo, in maniera proporzionale aumenterà il rischio di fare entrare nuovamente il virus in un qualche istituto”, lo afferma William Pertoldi, medico geriatra e direttore sanitario di diverse strutture ticinesi. Fondamentale, aggiunge Pertoldi, sarà la responsabilità e il comportamento dei famigliari.

Le nuove direttive verranno discusse e valutate dallo speciale gruppo di lavoro, che si è già riunito lunedì sera. Oltre a trattare un’eventuale estensione delle libertà di visita, durante la riunione si sono esaminate varie soluzioni per regolamentare in maniera più efficace le quarantene.

Focolaio in casa per anziani

Focolaio in casa per anziani

TG di giovedì 10.09.2020

 
CSI/YR
Condividi