Il luogo della tragedia
Il luogo della tragedia (Rescue Media)

Indagati per la frana a Cannobio

La statale 34 del Lago Maggiore è ancora chiusa; ora ci si chiede a chi spettava la messa in sicurezza della montagna

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Ci sono i primi indagati per la frana dello scorso 18 marzo sulla statale 34 del Lago Maggiore, che è costata la vita a un motociclista ticinese. Si tratta di persone residenti a Milano proprietarie dei terreni da dove è partito lo smottamento, come riporta La Regione di oggi, venerdì. Gli inquirenti sono riusciti a risalire a loro dopo le verifiche dei confini dei fondi con il GPS.

Il punto centrale dell'inchiesta starebbe in un interrogativo: a chi compete la messa in sicurezza della montagna?

"La morte del cittadino svizzero – ribadisce il sindaco di Cannobio Giandomenico Albertalla – rappresenta una pagina vergognosa per l'Italia. Occorre fare in modo di evitare che si ripetano fatti così gravi". Sabato l'ANAS valuterà a che punto sono i lavori di posa della rete paramassi. La strada potrebbe essere riaperta martedì.

MABO

Condividi