17 bambini in Municipio con le idee ben in chiaro

Il Quotidiano di martedì 22.11.2022

Mendrisio, largo ai bimbi (e alle loro idee)

È tornato il "Consiglio delle bambine e dei bambini". Le proposte dei baby consiglieri: un parco per disabili, fontane ed erba sintetica al posto del cemento

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Grande l'entusiasmo e l'emozione dei 17 (tra bambine bambini) che hanno ricevuto martedì - nella sala del Consiglio comunale di Mendrisio - l'attestato di consigliera e consigliere, firmati in diretta dal sindaco Samuele Cavadini, in occasione della seconda edizione del "Consiglio delle bambine e dei bambini", insediato oggi. Dopo la prima esperienza positiva, infatti, la Città ha accolto per la seconda volta i nuovi baby-consiglieri.

"Quando si parla di diritti del'infanzia si pensa ad essere protettivi, ma non si pensa al coinvolgimento; quando c'è si vede l'entusiasmo che i bambini portano nei progetti. Fanno parte della società e vogliono dire la loro, non soltanto con pretese, ma con proposte e soluzioni", spiega il sindaco Cavadini.

L'iniziativa riprende il modello della "Città dei bambini e delle bambine", che fa di Mendrisio, il comune pilota a livello svizzero. Grande, il valore pedagogico del progetto che, attraverso simulazioni e laboratori ludici, promuove attivamente la partecipazione dei più piccoli alla vita della comunità.

"I bambini sono una parte importante della società, hanno una visione e suggerimenti per vivere meglio la città, in modo inclusivo. Vedono situazioni che all'adulto possono sfuggire", sottolinea Francois Gehring, responsabile del Dicastero delle politiche sociali.

Anche alla cerimonia inaugurale le idee partorite dai più piccoli sono già tante: fontane in giro per Mendrisio, un parco per disabili, erba sintetica al posto del cemento... non tutte realizzabili. "Non sempre si dice di sì, ma si spiega il no. Questa condivisione, fin da piccoli, aiuta a formare i cittadini del futuro", dice il sindaco.

Quotidiano/Giorgia Fontana
Condividi