Uno dei primi treni ad attraversare il tunnel di base del Ceneri domenica 13 dicembre. (Keystone)

Tutto bene al Ceneri

Il traffico di impiegati e studenti era il primo banco di prova per il nuovo tunnel ferroviario. Per ora non si segnalano intoppi, soddisfatti i passeggeri

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il movimento dei pendolari tra Locarno, Bellinzona e Lugano questo lunedì mattina era il primo vero banco di prova per la nuova galleria di base del Monte Ceneri, entrata in servizio domenica 13 dicembre.

Stando ai vertici delle FFS, le prime ore della giornata si sono svolte senza alcun problema. E anche le reazioni degli utenti sono state positive. "Le tempistiche sono assurde", reagisce ai nostri microfoni uno studente in stazione a Locarno. "Io vado a Trevano. Prima ci mettevo più di un’ora, adesso sono 30 minuti".

 

Grazie ai nuovi treni diretti, la distanza tra Locarno e Lugano è coperta in mezz'ora. In circa 50 minuti si raggiunge Mendrisio, con qualcosina in più anche Chiasso. "Sono infermiera e sono stata trasferita da Mendrisio a Locarno", racconta un’impiegata. "Fare mezz’ora in meno di viaggio, soprattutto dopo la notte, cambia".

Lunga 15,4 chilometri, la galleria è entrata in vigore in occasione del cambio d'orario. Dal prossimo mese d'aprile, raddoppierà la frequenza dei treni diretti che collegheranno quella che molti già chiamano "città-Ticino".

La rivoluzione del trasporto pubblico

La rivoluzione del trasporto pubblico

TG 12:30 di lunedì 14.12.2020

Locarno e Lugano più vicini

Locarno e Lugano più vicini

Il Quotidiano di lunedì 14.12.2020

Collegamenti sempre più capillari

Collegamenti sempre più capillari

Il Quotidiano di lunedì 14.12.2020

 
Condividi