Il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini (Ti-Press)

Vaccinazioni al via nei comuni

Iniziata una nuova fase della campagna in Ticino grazie all'arrivo del preparato di Moderna

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

È stata avviata martedì la nuova fase della campagna di vaccinazione in Ticino: la vaccinazione di prossimità. Questa permette a chi non vuole o non può recarsi nei centri di Rivera, Ascona o Tesserete di farsi somministrare il farmaco nei pressi del proprio domicilio. Gli over 80 che si sono già annunciati sono quasi 5'000; sommate alle 7'500 prenotazioni nei tre centri si raggiunge quota 12'550. Nel cantone sono state invece finora vaccinate 9'530 persone.

 

Il cantone è stato suddiviso in 32 comprensori, che dovranno autonomamente organizzare la logistica (appuntamenti, spazi, personale). La vaccinazione di prossimità è resa possibile dall'arrivo in Ticino del vaccino di Moderna, che non richiede una conservazione a -70 gradi come quello di Pfizer. Il trasporto e lo stoccaggio sono di conseguenza più facili. "Oggi sono arrivate 1’100 dosi di questo vaccino in 25 comuni ticinesi. Domani arriveranno anche negli altri, per un totale di 3’600 dosi", ha detto dall'infopoint di Bellinzona il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini. A fine mese dovrebbero giungere altre 14'200 dosi del preparato di Moderna.

Franco Denti, presidente dell'Ordine dei medici del canton Ticino, ha dal canto suo affermato che si sta allestendo un apparato "senza precedenti" e che sono 109 i medici che si sono detti disponibili per vaccinare. Uno step decisivo per uscire da questa situazione difficile potrebbe invece cominciare in aprile, quando ci saranno abbastanza vaccini per tutta la popolazione ticinese, e non più solo per determinate fasce d’età. Lo ha fatto sapere lo stesso farmacista cantonale.

Vaccinazioni di prossimità al via

Vaccinazioni di prossimità al via

Il Quotidiano di martedì 19.01.2021

Vaccini, scatta la fase 2

Vaccini, scatta la fase 2

Il Quotidiano di martedì 19.01.2021

 
FD
Condividi