(Keystone)

"I cambiamenti climatici si vedono"

Rapporto di Berna, 2011 anno più caldo

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

In Svizzera i cambiamenti climatici dovuti al riscaldamento dell'atmosfera si vedono a occhio nudo e sono facilmente osservabili sul terreno, secondo quanto ha reso noto un rapporto degli uffici federale dell'ambiente (UFAM) e di meteorologia (MeteoSvizzera).

Ripercussioni sul ciclo dell'acqua

"L'aumento della temperatura è il segnale più evidente" e il 2011 è stato l'anno più caldo dall'inizio delle misurazioni nel 1864, viene sottolineato.

Ripercussioni sono evidenti anche nel ciclo dell'acqua (neve, ghiacciai, permafrost) e nel moltiplicarsi di eventi estremi (siccità, piene, precipitazioni e temperature estreme).

Alcuni settori economici sensibili al clima, come il turismo invernale, l'energia e la sanità, subiscono in modo particolare gli svantaggi dovuti ai cambiamenti climatici. Altri, come l'agricoltura, possono invece trarre vantaggio da un riscaldamento climatico moderato, che prolunga il periodo vegetativo, a condizione che entro il 2050 l'aumento delle temperatura non sia superiore a 2-3 gradi.

I gas effetto-serra

Più in generale, il rapporto spiega che in Svizzera, tra il 1900 e il 2010, le emissioni totali di gas serra sono aumentate da 13,1 a 54,2 milioni di tonnellate di CO2 equivalenti. Dal 1990, le emissioni di gas effetto-serra si sono però stabilizzate, e ciò nonostante l'aumento massiccio del numero di veicoli e del fabbisogno di riscaldamento legato alla crescita demografica.


Condividi