Le pratiche di Lister hanno impiegato alcuni decenni prima di diventare la norma
Le pratiche di Lister hanno impiegato alcuni decenni prima di diventare la norma (Keystone)

La rivoluzione di Lister

Sicurezza operatoria, la disinfezione dei ferri chirurgici compie 150 anni

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il chirurgo britannico Joseph Lister 150 anni fa per la prima volta disinfettò gli strumenti usati in un’operazione e la ferita di un paziente, una pratica che di fatto aprì una nuova era della chirurgia abbassando la mortalità degli interventi che prima era superiore al 50%. Lister eseguì i primi esperimenti del metodo dell’antisepsi, riferiva lo stesso in un articolo pubblicato da Lancet due anni dopo, nell'agosto del 1865.

"È sicuramente un momento fondamentale nella storia della chirurgia - commenta Ludovico Docimo, della Seconda Università di Napoli -, che va unito a quello, molto tempo dopo, in cui si è iniziato andare al paziente gli antibiotici per evitare le infezioni post intervento".

Grazie al lavoro di Lister i decessi successivi alle operazioni scesero dal 50% al 17% attraverso l'uso dell'acido fenico come disinfettante. Tra le conseguenze dei suoi studi, volti a limitare al massimo la presenza di batteri in sala operatoria e la gangrena allora molto diffusa in ambiente ospedaliero, ci fu anche il tipico gesto dei chirurghi di entrare nell’ambiente operatorio con le mani in alto.

Diem/ANSA

Condividi